Note e commenti fasc. n. 1/2020

Documenti

La Corte costituzionale chiude il caso Cappato ma sottolinea ancora una volta l’esigenza di un intervento legislativo in materia di “fine vita”

di Paolo Caretti

 

The paper analyses the Italian Constitutional Court (ICC) case law concerning the so-called “Cappato case” (decision no. 207/2018 and 242/2019). In the first judgment the Court invited, unsuccessfully, the Parliament to legislate on a provision of the Italian criminal code on assisted suicide. In the second judgment the ICC declared that, under current legislation, this crime is not punishable under certain circumstances.

Note a margine delle nuove Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale

di Costanza Masciotta

 

SOMMARIO: 1. Introduzione. - 2. L’intervento di terzo alla luce delle nuove norme integrative e della giurisprudenza costituzionale pregressa. - 3. L’amicus curiae nelle norme integrative e qualche cenno ai diversi usi nel diritto comparato. - 4. L’audizione di esperti: una novità suscettibile di diverse applicazioni in concreto. - 5. Le origini della apertura della Corte costituzionale e la problematica estensione dei tre istituti ai giudizi in via principale e ai conflitti di attribuzione. - 6. La portata innovativa della riforma: luci e ombre delle nuove norme integrative.


The essay aims at analyzing the 8 January 2020 resolution carried out by the Italian Constitutional Court with which some important changes were made to the supplementary rules for judgments before the Court in the wake of a greater opening of the constitutional trial through three institutes such as the third party intervention, the amicus curiae and the hearing of experts.
Through the analysis of the new supplementary rules it will be possible to investigate the scope of their applicability and the degree of innovation with respect to the previous discipline.

 

La disciplina degli interventi edilizi in zone sismiche ed il valore dell’incolumità pubblica nei principi fondamentali delle materie di «governo del territorio» e di «protezione civile»

di Antonio Mitrotti

 

SOMMARIO: 1. Cenni introduttivi alla problematica natura dei principi fondamentali nella legislazione concorrente. – 2. La portata dei principi fondamentali delle materie di «governo del territorio» e di «protezione civile» (ex art. 117, comma III, Cost.) nel settore dell’edilizia in aree sismiche. – 3. La recente sentenza della Corte costituzionale del 10 dicembre 2019, n. 264. – 4. Considerazioni conclusive.


At the present moment in history, plagued by the Coronavirus, the study of the constitutional value of public safety is proving to be fundamental as never before. Despite the tricky distinction between principle and detail, this contribution offers an analysis of the value of public safety in the field of building activities conducted in seismic areas of the Country: a sector encompassing the two subjects of “territorial governance”, on the one hand, and “civil protection”, on the other.
In a nutshell, this piece of work reaches the conclusion that the value of public safety, and the technical discretion that it requires, poses the necessity of a uniform discipline throughout the entire national territory, where, more than in other areas of shared competencies, regional differentiation is restricted to the provision of rules which technically improve standards fixed by the State.

Forme di raccordo fra Stato e autonomie territoriali: il principio di leale collaborazione e il Sistema delle Conferenze

di Anna Paiano

 

SOMMARIO: 1. Introduzione. – 2. Le alterne vicende della leale collaborazione: definizione e declinazione del principio nella prassi giurisprudenziale. – 3. Il Sistema delle Conferenze: l’evoluzione e gli strumenti della collaborazione istituzionale. – 4. Tendenze recenti in materia di raccordo fra Stato e autonomie. – 5. Conclusioni.


In the Italian legal system, the problem of the forms of connection between the State and territorial autonomies has not found an adequate answer yet. After the reform of Title V of the Constitution, which changed the distribution of competence between the State and the Regions, the Constitutional Court, in order to settle the conflicts of attribution, relied on loyal collaboration as a principle which governs relationships between entities and identified in the so-called "Conference system" the appropriate instrument to implement it. The paper, therefore, will focus on the concrete declination of the principle of loyal collaboration in cases of the State's overriding in the competences of the Regions, in order to demonstrate its structural weakness. Secondly, the analysis will move on to the Conferences system. Specifically, the evolution of these bodies and the main tools through which they operate will be examined. Finally, the most recent trends of constitutional jurisprudence will be analyzed, in support of the arguments carried out in the previous passages and in order to find inspiration for a reform of the constitutional system.

La partecipazione della Regione Lazio all’Unione europea tra aggiornamenti della normativa interna e prassi distorsive dell’equilibrio tra Giunta e Consiglio regionale

di Paolo Scarlatti

 

SOMMARIO: 1. La progressiva apertura del processo d’integrazione europea alle istanze delle autonomie territoriali dei Paesi membri. – 2. La disciplina nazionale della partecipazione regionale all’Unione europea: dalla riforma costituzionale del Titolo V della Costituzione del 2001 alla legge 24 dicembre 2012, n. 234. – 3. L’intervento della Regione Lazio nella formazione e nel recepimento della normativa europea nella prospettiva dello Statuto regionale. – 4. La riforma della legge regionale di procedura sulla partecipazione della Regione Lazio all’Unione europea tra esigenze di riequilibrio e valorizzazione della Commissione consiliare competente per gli affari europei: la legge regionale 22 marzo 2019, n. 3. – 5. La questione della mancata attivazione dello strumento della legge regionale europea ed i suoi riflessi problematici sul rapporto tra Giunta e Consiglio regionale.


The essay focuses on the rules for regional participation to the European Union with special regard to the legal experience of Lazio Region. The changing in constitutional and ordinary national legislation, in the light of the entry into force of the Treaty of Lisbon, induced a reform of the system of law of Lazio Region which, however, doesn’t seems to have solved the imbalance within the regional form of government regarding European affairs. And that is particularly significant in relation to the failure to submit, to the Regional Council, the draft of annual European regional law by the Regional Government.

Osservatorio sulle fonti

Rivista telematica registrata presso il Tribunale di Firenze (decreto n. 5626 del 24 dicembre 2007). ISSN 2038-5633.

L’Osservatorio sulle fonti è stato riconosciuto dall’ANVUR come rivista scientifica e collocato in Classe A.

Contatti

Per qualunque domanda o informazione, puoi utilizzare il nostro form di contatto, oppure scrivici a uno di questi indirizzi email:

Direzione scientifica: direzione@osservatoriosullefonti.it
Redazione: redazione@osservatoriosullefonti.it

Il nostro staff ti risponderà quanto prima.

© 2017 Osservatoriosullefonti.it. Registrazione presso il Tribunale di Firenze n. 5626 del 24 dicembre 2007 - ISSN 2038-5633